Obiwan è una barca ecologica

Non solo è dotata di pannelli solari e generatore eolico che ne garantiscono l'autonomia energetica senza consumo di carburante e senza emissione di gas nocivi.

E' una barca ecologica perché si usano detersivi biodegradabili al 100%, sia per le stoviglie, sia per l'igiene personale.

Il consumo di acqua è minimo, usando spesso, dove possibile, l'acqua di mare, con apposito rubinetto, per stoviglie etc.

La raccolta differenziata fa parte della pratica stessa. In barca si usa più possibile carta e borse per la spesa di iuta e i resti di umido si riciclano più possibile.

La cucina è naturale e ci sono delle regole e abitudini che riguardano il cibo, la preparazione e la degustazione.

Obiwan



Relax, yoga e meditazione a bordo di una barca confertevole, sicura e ben attrezzata.

La dinette di ObiwanGli accoglienti interni in ciliegio, l'attrezzatura velica continuamente rinnovata
e curata, un tender comodo e veloce, renderanno la vostra permanenza a
bordo indimenticabile.
La barca, veloce e marina, consente entusiasmanti navigazioni a vela; in caso
di mancanza di vento interviene l'affidabile motore volvo penta da 40 HP.
I pannelli solari e il generatore eolico consentono una notevole autonomia
energetica, rendendo superfluo l'uso del motore o di rumorosi generatori per
la ricarica delle batterie.
Per un maggior comfort abbiamo previsto di ospitare a bordo non più di 4
persone, in comode cabine doppie.
Il bagno di bordo è semplice e comodo, la cucina, funzionale e completamente
attrezzata, comprende un ampio frigo.
La sicurezza è la nostra priorità e la barca, oltre ad avere tutte le dotazioni
previste, è inaffondabile di progetto (vedi cantieri Etap). E’ dotata di telefono
satellitare, TV, internet Wi-Fi.
A bordo troverete l'attrezzatura per la pratica dello yoga in acqua e in amaca,
materassini, maschere.

L’attrezzatura è in continuo aggiornamento e ormai Obiwan è pronta per la
navigazione d’altura: satellitare, SSB, AIS, pilota a vento, trinchetta rollabile.
LA TRAVERSATA ATLANTICA E IL GIRO DEL MONDO CI STRIZZANO
L’OCCHIO....

 

Torna alla pagina iniziale Stampa questa pagina Modifica questa pagina Condividi questa pagina su Facebook